Aritmie

Che poi dovrei risponderti
ecco mi alzo e vado
a coltivar la voce a fiori e notte
ad innaffiarli d’acqua dolce
unta in medio dalla luna
lavorio di madreperla e lima
per ridurre all’osso carapace e valva
gli specchi le allodole ed i gusci
aranciati tra tentacoli di polpo
col rostro trafitto alle falangi
mano issata la bandiera
insegna circolare di pazienza
occhi fissi sulla plafoniera
il quadro il tavolo l’insalatiera.

Che poi dovrei risponderti
ecco mi alzo e vado
sulla sedia attonita bagnata
l’ispirazione giunge infine a sera
ed è felino ed è pantera
accucciato latente a riposo
rapinoso di quiete sbaraglia
l’ansante animale verbale
lo scatto fremente del guizzo
scoppiando vorace in scintilla
improvviso sull’ira rasente
si slancia e divora la massa
dilania le scarpe e la suola
i germogli composti in aiuola.

Indifesa la vista s’arriccia
sulla bocca supina a sudare
tranne un paio d’occhiali da sole
appesi tra naso ed orecchia
che nascondono il bulbo oculare.


Marombra

Annunci

7 Risposte to “Aritmie”

  1. E vabbè quella prima era meglio.
    Diciamo però che il soggetto è diverso. 🙂

  2. Anonymous Says:

    ma perchè? a me è piaciuta molto, più di quela della notte insonne. che poi dovrei risponderti ecco mi alzo e vado. grande. brava. ciao a.

  3. alivento Says:

    ma quella prima è Dono! 🙂
    vuoi mettere questa con una poesia che parla di vivere morire amare?
    In tre verbi si condensa l’esistenza.
    Mi fanno molto piacere i tuoi apprezzamenti Anto.
    Come sempre nella mia poesia c’è la mia vita, e risposte ad interlocutori, emozioni e ferite. E poi l’esortazione “che poi dovrei riponderti/ecco mi alzo e vado” a me stessa più che altro, di avere la disponibilità, la generosità la forza di rispondere a chi, nel giusto, mi chiama.

    abbraccio

  4. narrando Says:

    Molto particolare il richiamo al mondo dei crostacei, poi… si è strano giustificare il bisogno di scrivere, il rapporto con l’ispirazione (beato chi ce l’ha) e il tempo che gli si dedica.
    Saluti
    _______Antonio.

  5. mattatoia Says:

    ciao ali…… passavo
    🙂

    mattatoia

  6. alivento Says:

    I crostacei sono le vittime del polpo che sfonda il guscio per succhiarle.
    In effetti, l’ispirazione è implacabile. 🙂

  7. alivento Says:

    ciao matt, 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: