Asindeto

Perché mi manchi
chiedo.

Perché le mani arrese
i fianchi le maree
la luna in soglie
e inoltre l’oltre.

Perché al microscopio
l’atomo è punto cratere
di ogni mondo brodo
e pullulare primordiale.

E sei giro scafo albero
piantato in petto all’universo
dove nascere viene prima
di morire certo.

E a farsi azoto non finisce
ché vivere è lo stesso
di aspettare al molo l’infinito
una nave che non ha risposte.

Come neve sale alla montagna
un bagaglio intanto di vertigine
tra rami giunti un’isola
al centro liquido dei polsi
muove il mare.

Marombra

Annunci

15 Risposte to “Asindeto”

  1. Casentero Says:

    Mi piace.
    La prima e l’ultima strofa poi sono le mie preferite.
    Mi sembra stia nascendo qualcosa di nuovo e di bello…
    Il tuo poetare ha acquistato in densità mi pare… Bene!
    Chissà dove ti porteranno i prossimi versi…
    Un abbraccio.
    Marco

    Ps
    te ne “rubo” un pezzetto e ci gioco un po’ per conto mio se me lo permetti…

  2. golfedombre Says:

    piace anche a me.

    però, sei sicura che l’atomo si possa vedere al microscopio?

  3. alivento Says:

    Marco, se la mia poesia potesse parlare ti direbbe “straziami ma di baci saziami”. :)))
    Io, che sono sua tutrice ti dico che ogni dono-poesia chiede un ritorno. Il ritorno arriccchisce o strazia la poesia.

    Stefano, proprio adesso che ho affrancato ogni mio dire dall’aderenza alla realtà!
    Ciao, caro.

  4. Casentero Says:

    Ali:
    Il ritorno era chiaramente sottinteso… 🙂
    La mamma Ali può stare tranquilla che la sua bambina sarà straziata col cuore. 😉

    Golfedombre:
    Pare che con un microscopio elettronico a scansione si possa addirittura vedere la superficie di certi atomi (uno dei miei migliori amici è ingegnere nucleare)… per quanto la reale difficoltà sta più nell’avere un singolo atomo da osservare.

  5. golfedombre Says:

    in effetti io intendevo l’osservazione ocn il microscopio ottico: il peso della luce sposta l’atomo.

    marco: golfedombre è gugl:-)

  6. Casentero Says:

    😀 Ah!… mi pareva di conoscerti! 😀

    ..ciò la testa come un polaretto al sole… :_P

  7. alivento Says:

    oh vi siete riconosciuti finalmente 🙂

  8. alivento Says:

    un poeta che conosce i polaretti??!!!

  9. Casentero Says:

    …vecchi amici mai visti di un passato telematico fuori dal tempo…

    Che strano ‘sto mondo dei blog…
    🙂

  10. alivento Says:

    è strano si, ma niente male 😉

  11. golfedombre Says:

    🙂

  12. Casentero Says:

    Quando fa caldo i polaretti aiutano sicuramente a scrivere meglio… chiaro che li conosco! 😉

    ps
    entro stasera, se riesco a completarla (per quanto quello che scrivo rimane sempre in fieri) pubblico il gioco con la tua bambina.
    Un abbraccio a te e a Gugl.
    Marco

  13. alivento Says:

    aspetto con trepidazione e nel frattempo, fusa dal caldo, mi gusto un polaretto

    abbracci altrettanti

  14. cheevas Says:

    ecco, avevo intenzione di commentare la poesia e ora invece m’avete fatto venir voglia di mangiarmi i polaretti!

  15. alivento Says:

    ottimo! mangiare polaretti leggendo una poesia 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: