Derive

Di te
le flesse punte d’iride
scolorano
con la leggera fragranza della morte.
Sul lago
d’azzurro l’ombra tinge
il rimorso di essere stata
la schiuma dell’onda, il tronco
portato a forza dalla luna.

Stefano Guglielmin

Logoshima, Firenze libri 1988

Annunci

18 Risposte to “Derive”

  1. alivento Says:

    incantevole…la poesia certo

  2. Anonymous Says:

    bella la sorpresa. ciao a.

  3. golfedombre Says:

    ali, però sarebbe meglio se mettessi la data di pubblicazione. e’ importante. questa poesia l’ho scritta circa nel 1987. Oggi non la scriverei proprio perchè l’ho già scritta.

  4. golfedombre Says:

    voglio dire: crescere significa aumentare le stratificazioni; questa è una poesia semplice, elementare. Oggi chiedo di più alla poesia: sbaglio?

  5. Anonymous Says:

    come la scriveresti oggi? puoi provare a riscriverla così da vederne la differenza? no?! ciao a.

  6. golfedombre Says:

    oggi non la riscriverei. ci sono già tante poesie d’amore bellissime!

  7. alivento Says:

    Stefano, scusa, si è trattato di una dimenticanza imperdonabile, dovuta a scarsa dimestichezza con la pubblicazione su carta, un link probabilmente non l’avrei dimenticato! 😉

    Purtroppo sono stata fuori tutto il giorno ed ho integrato il post con i dati della pubblicazoine solo adesso. Tuttavia non è cosa molto grave, questo blog si avvia a diventare una sorta di archivio dei miei tesori poetici on line, niente di più.

    Mi piacerebbe molto che indicassi queste che tu ritieni poesie contemporanee e d’amore bellissime, sono sicura che il mio animo romantico ne converebbe; magari a qualcuna darei spazio dentro questo isolato e bianco scrigno.

  8. alivento Says:

    quanto al fatto che oggi non scriveresti più così, ti capisco eppure in questa poesia, per nella sua leggerezza c’è, si sente la profondità di un indefinibile oltre di luna, d’azzurro, di morte.

  9. alivento Says:

    a. in mancanza di lidi migliori, stai qua. OK?

  10. Anonymous Says:

    ali tesoro qua mi piace perchè ci sei tu 🙂 a.

  11. golfedombre Says:

    in effetti, sono stato un gran romanticone:-)

  12. alivento Says:

    non ne dubitavo, Stefano 🙂
    e allora quali sono queste poesie? forse Neruda?

  13. golfedombre Says:

    magari ne posto una nel mio blog.

    anche se pensavo ai grandi del passato: da dante a cavalcanti,
    da leopardi a saba

  14. Anonymous Says:

    ciao Stefano e Ali, sono venuta a salutarvi…e trovo una poesia di Guglielmin. L’ho letta…mi piace, direi che ha una trasparenza, una profondità e una grazia tutta femminea.

    😉 erminia

  15. golfedombre Says:

    si tratta di transgender, of course:-)

  16. narrando Says:

    Gugl?
    E’ la prima volta che ne leggo i versi, ampiamente decantati da accreditato addetto ai lavori… aveva ragione!

  17. alivento Says:

    si è una meravigliosa impalpabile voce

    allora antonio dopo questa ne posto un’altra di stefano

  18. golfedombre Says:

    ali “impalpabile” è proprio un destino:-)

    grazie Narrando per le belle parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: