Aromi di latta

Pensare è cosa altra
dall’alba di latta
che affiora alle labbra
e alle corde una calca.

Squame aderenti e piombo
a filo di carta vetrata
curva di trasparenza

a due millimetri dalla credenza
come spigolo mobile
quadro vivo a parete
l’elegante poltrona
le foglie d’alloro il timo al limone
gli aromi penetranti
dei tuoi ammiccamenti.

Non c’è scampo allo sguardo
incollato alla via di fuga
tra le piastrelle
sopra il lavello la riga scura
di ceramica dura.
Macchie nere sui pavimenti
per le scale grigiore
filamenti e mascelle
alti piani silenzi
masticamenti.

Marombra

Annunci

14 Risposte to “Aromi di latta”

  1. Anonymous Says:

    amori di latta direi ma poi rileggo meglio e ti saprò dire. buona giornata aluccia. :-)a.

  2. Anonymous Says:

    in ceramica, direi

    p.

  3. alivento Says:

    si, la ceramica inizialmente avrei voluto inserirla nel titolo, ma C E R A M I C A è parola lunga, quasi composta, CERA AMICA, comunanza di A, e non c’entrava affatto 🙂

  4. C’era mica la colf in ferie, quella volta?
    🙂

  5. alivento Says:

    hakamango? 🙂

  6. Alimango

    Longa mia…
    ogni mala
    mai lagno,
    o magno li’:
    amo Gina L.!!!

    Maglia? no:
    ma in goal
    (Milan = ago)
    l'”A”, Mogi? na…
    mago: in la’

  7. molto originale, come le altre tue del blog…c’è un fascino particolare nei tuoi versi, un aroma secco e preciso
    grazie per il tuo commento a un amia poesia sulla montagna in Poetienon
    marina

  8. alivento Says:

    devo dire che la parola originale, dirlo nell’arte intendo, è un bellissimo complimento

  9. alivento Says:

    benvenuta Marina e grazie

  10. narrando Says:

    Lessico da posatore, quale sorpresa!
    A voc piace ricordare come Leopardi abbia rivoluzionato la poesia introducendovi la gallina… vedi!

  11. alivento Says:

    narrando! alle 3,52? ma dov’è finito il tuo sonno? tutto bene?

    lessico da posatore…vedi, c’era e non me n’ero neanche accorta, :)ora rileggo e, grazie a te, lo scopro.

    circa il rivoluzionare la poesia al pari di leopardi, non credi che potrei montarmi la testa? 🙂
    Però di Voc critico mi fido, quando lui ti ricorderà che io ho modificato la poesia in qualsivolglia direzione, tu informami, forse, sempre che sia ancora viva, crederò davvero d’essere “poeta”.

  12. narrando Says:

    Il sonno s’è perso nella notte bianca di Salerno tra il lungomare ed il corso, beata estate calda ed insonne come un’amante mulatta (mica male questa!?!)
    Quanto a Leopardi, Wilde diceva “tutti siamo nel rigagnolo, ma alcuni di noi fissano le stelle”, tu punta in alto, poi si vedrà.
    Per qualche motivo mi viene di pensare che quando tu sarai nella terra di Van Diemen, uguale sorte spartiremo anche Voc ed io.

  13. alivento Says:

    mica male tutto il commento, Antonio, certe volte ne leggo di tuoi e penso che sono migliori delle mie poesie, questo in particolare, denso di citazioni, comunica una forza singolare

    e c’è pure un filo di chiaroveggenza

  14. ehhh! esagerata! Io dicevo per scherzare 🙂
    Ad ogni modo preoccupiamoci di essere adesso, e, come diceva Einstein, al diavolo i posteri, cos’hanno fatto per noi?
    Più o meno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: