Gat shemanin

L’angoscia è una fiamma che si accende
con le preghiere svanite nel mattino.
dèi insondabili ne fanno, per conforto,
una morte innocente. L’implacabile
fuoco adesso è pietra, sabbia
che spegne ogni lirica cenere. Soltanto,
il pomeriggio, un muto lamento
si avverte nella casa.


Fabrizio Centofanti

http://fabryvoce.splinder.com

Annunci

11 Risposte to “Gat shemanin”

  1. grazie, Ali, hai scelto il Getsemani. quando andai a Gerusalemme rimasi turbato dal significato di questa denominazione: “pressoio per l’olio”. da allora tutte le volte che passo un momento difficile penso a quel pressoio per l’olio. il gat shemanin di 2000 anni fa.
    ti ringrazio di cuore e ti abbraccio
    fabry

  2. Certo che dal punto di vista egoistico che è nell’animo umano alimentato dall’istinto di conservazione tale angoscia da consapevolezza sembrerebbe o fuori luogo proprio per questo motivo oppure attraversata dalle bande nere dell’ineluttabilità che dovrebbero e forse fanno scattare il sentimento “eroico” che esiste, anche se in manier e per motivi diversi, in ciascuno di noi.
    E’ quella sensazione che ci spinge, nonostante la ragione ci dica di no, a fare un gesto generalmente senza ritorno.
    La mia perplessità è sempre stata grande su questo punto in cui si va al martirio consapevoli della propria resurrezione ma proprio nel fatto che la promessa di Gesù fu che saremmo risorti anche noi c’è quella magica ricomposizione della mia frattura interiore.

  3. grazie, Artur: davvero un bel commento!
    un abbraccio
    fabry

  4. Casentero Says:

    e se considerassimo la morte come il crollo del nostro involucro esteriore “durante” la vita stessa?
    Allora questo incamminarsi verso il martirio significherebbe andare incontro ad una elevazione spirituale.
    Abbandonarsi alla morte per rinascere in vita ad una forma più autentica…

    Bello Artur
    e grande, come sempre, la “sapienza” poetica del nostro curato.

  5. grazie, Marco, come sempre riesci a cogliere gli aspetti più profondi: mi trovi completamente d’accordo con l”anticipazione”. anzi, forse è proprio quella l’essenziale.
    un abbraccio
    fabry

  6. Ali, sono arrivata sin qui, ma dove sei?

    Scusa Fabry.

  7. alivento Says:

    Fabry, quando hai postato questa poesia mi ha molto colpito l’ultimo verso, quel muto lamento che si avverte nella casa, un mugolio che echeggia nelle stanze e che quasi ginge alle orecchie; pensai che quel verso fosse molto suggestivo.
    Mi era piaciuto pure l’incipit, diretto e forte, l’angoscia è parola pesante e curiosamente nella poesia non svanisce all’alba ma al contrario s’accende di fiamma quando cessano le preghiere della notte, cosa che appunto avviene quando è grave la prova che si ha di fronte.
    Mi piacque anche la suddivisione della poesia nei tre tempi: mattino, notte trascorsa, pomeriggio.
    L’unica nota oscura rimase, ed ancora rimane, quella “morte innocente”.
    Forse esprime il desiderio di concludere la propria vita nella purezza, e l’ansia notturna, sfociata in angoscia, rappresenta la difficoltà di essere di fonte a una scelta che coinvolge appunto le proprie corenti scelte di vita. Ma questo Fabry non necessita di chiarimenti, anzi rappresenta l’enigma che non deve essere sciolto affichè resista l’intera impalcatura nel suo mistero e fascino.
    Ecco i motivi per cui ho preferito questa tua poesia, Fabry, perchè nel suo breve frullo d’ali mi sembra non manchi di niente che ne faccia rotonda completezza.

  8. alivento Says:

    Rita sono in tutti i testi qui postati con la firma marombra.
    Se intendi il fatto che non intervengo è perchè sono rimasta disconnessa per quasi tutto il giorno, ma non sono mancati i commenti interessanti da quello profondissimo (che quasi neanche l’afferro :)) del nostro caro Artur, a quello prezioso di Marco.
    Fabry, come sempre, è al di sopra di ogni giudizio, rimane guida e modello.
    Grazie per avermi permesso d’accogliere qui questo tua poesia.

  9. grazie a te, Ali. come sempre cogli sensibilmente ciò che conta. ti ringrazio di avermi ospitato in questo spazio che profuma di rosa.
    ti abbraccio e saluto gli altri amici (non ti devi scusare Rita…)
    fabry

  10. Anonymous Says:

    scusa aluccia ma non la leggi la posta? riposta OL

  11. alivento Says:

    si 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: