Libera di senza

Ti prego
Non parlare dolcemente

Quando implode
l’arco teso
scocca e freccia vibra viva
lago estende
nel presente eterno vacuo
si protende.

Ti prego
Non parlare dolcemente

Altro si confonde dentro
e gli occhi vanno in vago
giro tristi e sento in vitro
vuoto peso involto tetro
un pieno senza scampo
una piovra un cappio franto
un danno che rimescola
natura che s’inalbera
l’istanza tesa la domanda
la vita in altera partita
salta il ponte e
si disperde oltre ma oltre
ci deve essere per forza
per mia forza disperata
un’altra vita.

Marombra

Annunci

15 Risposte to “Libera di senza”

  1. chiude in forza questa tua, bella e intensa.

    solo che fa pensare a una festa senza gioia.

    baci

  2. mi dispero fortemente senza avvitarmi, per questo può capitare che si ritorni
    chissà se sono ritornato nel luogo giusto però

    VP

  3. Virgin, davvero contenta di rileggerti. 🙂

    ma se ci si dispera avvitandosi e saltando si potrebbe aspirare alla disciplina dei tuffi

    prima o poi devo scrivere una poesia col trampolino

  4. golfedombre Says:

    è un testo ben costruito, che costruisce immagini-frase, in sequenza, calibrando bene il ritmo.
    l’unico passaggio che non tiene semanticamente è
    “libera di senza…”.

    brava.

  5. Sei incredibile Stefano 🙂
    speravo ti piacesse ma non che riuscissi a centrare in pieno l’unico punto in cui ho a lungo esitato perchè non riuscivo pienamente a focalizzarlo, (il resto è una delle mie solite impulsive sequenze di getto) come se una volta steso il testo mi rendessi conto ch’era il punto di caduta, tuttavia non sono riuscita a trovare alternative, l’istante vibrante era finito; infine ho deciso di postare e di sottolineare il punto di crisi facendone titolo.
    bravo anche tu! e grazie sempre

  6. golfedombre Says:

    prova a togliere “di senza”:

    “la vita in altera partita
    libera salta ponte si
    disperde eccetera”

    il “si” alla fine del verso attenua il peso del “ponte”

    ciao

  7. togliere ” di senza” rompe il ritmo

    e libera d’attesa?

    l’istanza tesa la domanda
    la vita in altera partita
    libera d’attesa salta ponte
    si disperde oltre ma oltre
    ci deve essere per forza
    per mia forza disperata
    un’altra vita.

  8. golfedombre Says:

    sì, si può fare. però non spezza il ritmo con il “se”, solo lo cambia.

  9. il testo nella prima stesura era questo:

    l’istanza tesa la domanda
    la vita in altera partita
    salta il ponte e
    si disperde oltre ma oltre
    ci deve essere per forza
    per mia forza disperata
    un’altra vita.

    libera l’ho aggiunto dopo per chiarezza, e perchè non mi sembrava possibile fosse tutto perfetto sin dalla prima battitura ma la chiarezza non sempre è necessaria e a volte
    la stesura iniziale è la migliore.

  10. golfedombre Says:

    in effetti è migliore.

  11. Allora come ho detto nel commento al post seguente Stefano, ripristinerò la versione iniziale della poesia, però il titolo lo lascio a perenne (perenne?!) memoria di questo bellissimo lavoro di confronto e lima congiunta 🙂

  12. mi piace molto il finale!

  13. anche a me Cheevas, anche a me…

    PS. ti ho visto sai, in “incognito”, su vocativo, ma il tuo mantello giallo è inconfondibile 🙂 a proposito hai visto “gli incredibili” ? C’è un personaggio, a mio avviso riuscitissmo, quello della stilista dei supereroi (doppiata brillantemente da Amanda Lear), che riconduce tutti i fallimenti dei supereroi al mantello…vuoi vedere che anche tu se ti liberi del mantello… 🙂 Scheee
    Bacioni e grazie

  14. Mi ha sconvolto questa poesia sai?

    Primo perchè l’ho letta dentro e dentro nasconde un mondo in poche righe (ma questo da sempre ti appartiene)

    Secondo perchè l’ho letta fuori e se la confronto con una qualsiasi delle tue splendide poesie passate si capisce subito che all’immediatezza del messaggio hai aggiunto una grande ricercatezza nella forma: ogni parola è scelta e pesata con cura.

    Mille sorrisi geniale Vento : )

  15. A proposito di geniale, lo sai Dan, me lo dicono anche sul lavoro e proprio per questo mi affossano.
    Bellissimo no?

    Hai letto bene però Dan con la tua inesauribile sensibilità. Questa è forse fra tutte quelle fin’ora scritte qui quella che mi è più cara.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: