Grande

Lo si diceva con la voce a filo
che non c’era da parlare
che il silenzio è cosa lunga
(lungamente da aspettare)
e non c’è strada che congiunga
il pero al morso
l’elefante all’unghia
la distrazione al crimine
al bavaglio
che la giungla di liane
non è appiglio
mentre il limo ci gorgoglia
alle caviglie e sale piano
a ricoprire il sole e luce alba
ed ogni (altra) cosa alta
vita che si vorrebbe grande
che ad ogni passo affonda
immacolata sponda
che più non s’innamora
che di bellezza è triste
quando all’imbrunire
batte il capo sulla gabbia
e di liquore impallidisce.


Marombra

Annunci

20 Risposte to “Grande”

  1. eh sì, che i liquori impallidirebbero! 😀

    i miei omaggi!

  2. forse persino vomiterebbero 😀
    😛

  3. VP, ma siamo sicuri che non sei Vocativo in incognito?

    eppure questa mia non mi convince, nel senso che è nata già consumata

  4. golfedombre Says:

    invece a me piace. ed è differente dalle tue: più equilibrata sotto il profilo sonoro e più originale negli accostamenti sostantivali.

  5. è bella, ali, molto riuscita sia nel ritmo che nelle immagini. brava. swan

  6. Bella poesia, anche se a volte qualche verso vola libero prendendo traiettorie eccentriche.

  7. Stefano, grazie dell’apprezzamento, allora potrei dire che è scritto di vita rivisto e corretto con consumata arte. Ste, ma tu lo sai se VP è Vocativo in incognito?

    Swan, son particolarmente lieta di vederti commentare questa mia e grazie.

    Artur l’eccentrico potrebbe stare nella scelta dei sostantivi, che Stefano appunto definisce originali, tu invece parli di versi, mi incuriosisci e dunque ti prego, se ti va, di indicare i versi eccentrici e in cosa vanno fuori centro rispetto al tuo occhio al tuo orecchio.

  8. VP lassù, guarda che il liquore non è quello che si beve (alcolico e zuccherino) ma quello che si liquefà.

    nuovi omaggi tutti per te.

  9. Ha un movimento ascensionale e armonia ritmica, mi piace conoscere la tua scrittura.
    Ossodiseppia

  10. diciamo più che altro che potrebbe essere Vocativo ad essere VP in incognito.

    questa che non ti convince, Ali, convince un po’ tutti gli altri. 😉

    liquefare: sì, proprio così. 😀

    buona giornata a tutti!

  11. golfedombre Says:

    VP non può essere V: lo dice anche Aristotele 🙂

  12. è buona, ma penso che potresti effettuare qualche taglio o essere più sintetica nei versi. Forse così trasmetti meglio l’idea della lunghezza del silenzio, ma l’andamento generale è poco severo, avrei preferito qualcosa di più conciso ed incisivo, quasi militare e nevrotico, anche a scapito dell’encomiabile musicalità… forse domani potrei dire il contrario: la percezione di una poesia dipende anche dal momento, comunque brava. Ciao!

  13. A parte l’ego, che ne trae comunque giovamento, forse il tuo Io potrebbe fare a meno de’ cacasenno e concentrarsi sui bertoldi e bertoldini.

  14. t’ dovessi rinascere un’altra volta vorrei-chiederei-pregherei d’essere come dici tu

  15. hapax la tua encomiabile attenzione merita che io posti la versione come dire…base di questa poesia, dove poter apprezzare tra l’altro il lavoro di eliminazione del superfluo che è noto insegnamento sannelliano (V. il suo ultimo post su poesiaespirito)
    Ecco io questa indicazione credo d’averla applicata qui sotto:

    Lo si diceva con la voce a filo
    che non c’era da parlare
    che il silenzio è cosa lunga
    (lungamente da aspettare)
    e non c’è strada che congiunga
    il pero al morso
    l’elefante all’unghia
    la distrazione al crimine
    alle scimmie
    che la giungla di liane
    non è appiglio
    mentre il limo ci gorgoglia
    tra le mani e dentro
    scende piano
    a ricoprire il sole e luce alba
    ed ogni (altra) cosa alta.

    Lo si diceva a voce forte
    io vincerò la morte
    vita che si vorrebbe grande
    che i capelli colora di pigmento
    ineluttabilmente finto
    che circonda e stringe i fianchi
    e si trascina grigia sulle scale
    che ad ogni passo affonda
    immacolata sponda
    che spinge avanti l’onda
    che più non s’innamora
    vita che di bellezza è triste
    quando all’imbrunire
    batte il pugno sulla gabbia
    di dolore impallidisce.

    Comunque grazie, ciao 🙂

  16. la versione base dà una sensazione diversa, più rilassata. Io terrei entrambe le versioni contrapponendole, magari aggiungendone delle altre in mezzo ed oltre tagliando sempre di più, fino a tornare ad un verso e quindi al titolo… una sorta di riduzione del grande, ma anche di divinizzazione (arrivando a definirsi solo con se stesso sarebbe un po’ come dio…). Forse mi sono lasciato un po’ andare, in fondo un procedimento analogo lo si potrebbe attuare con qualunque poesia. Certo sarei curioso di vederti all’opera, ma sono curioso anche quando posti normalmente… sei brava ed ormai penso che te renda conto anche tu. ciao

  17. se tu mi vedessi all’opera hapax, diresti che sono un genio della poesia 😉

  18. in effetti hapax, non riesco o meglio riuscivo a capire perchè le mie “sbadiglievoli” poesie, ricevessero tanti commenti, (singolare per un sito di solo biacore e parole) evidentemente emanano un qualche inspiegabile fascino…

    VP è l’alter ego ludico (e sempre assonnato) di V, giusto Ste?

  19. Volevo dirti, ali, che apprezzo moltissimo -di te- la tua possione e l’entusiasmo che vai spetalando per il web dando allo spetalare un’accezione chiaramente positivissima (ché non vuole essere fraintesa) apprezzo altresì il tuo fare moderato ed equilibrato, i tuoi modi onesti.

    Volevo dirtelo per via del mio incidente diplomatico dell’altro giorno.

    Poi tornerò qui, con calma, per leggere e dare la giusta importanza ai tuoi testi che da una prima scorsa ho trovato pari alle cose che ti ho detto più sopra.

    (stavo per dirti provocatoriamente che mi piacciono ma, se non leggo attentamente, proprio non ci riesco) 🙂

    rita bonomo

  20. Oh Rita leggi pure chè sto qua per questo, (piuomeno, ma è una storia lunga che non so più raccontare)
    Quanto allo spetalare, meglio di spedalare che sa di bicicletta e d’ospedale, meglio di spalare che sa tanto di fatica e meglio pure di aspettare.
    La passione è l’antitesi dell’indifferenza che pure è quello che cerco, riesco solo ad essere, come hai notato, ragionevole ed equilibrata che, di questi tempi, non è poco.
    Lietissima della tua visita, lieta anche d’incontrarti altrove e nelle tue poesie su foglidiparole. saluti a carrino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: