Cor rosa

Il massacro sonda a monte
in corpo estratto e viene fuori
a fiamme alte inutili volanti
come scorie vomitanti
buco bocca pancia occhi
muto crisma a delta chiuso
dal margine deluso della vista
la piena da ogni gesto mossa
che muove indifferenza
aspersa ad ampio raggio.
………… *
E’ bellissima l’inesistenza
e sguardi per guardare il vuoto
vuoto come l’aria
essere come tra cent’anni
senza volto e senza nome
cenere ridotta a polverosa
assenza ed ossa frante
materia senza consistenza
volatile cosa non pensante
nel buio luce brancolante.


Marombra

Annunci

11 Risposte to “Cor rosa”

  1. come sempre la presenza amica quando maggiormente senti il vuoto
    Ada

  2. anche tu falena, cara Ada? 🙂

    grazie sempre

    se noti c’è uno certo stacco tra prima e seconda strofa, al canto chiuso della prima si contrappone la limpida chiarezza della seconda, quest’ultima tra l’altro sintetizza una delle ragioni per cui trovo così affascinante l’essere solo uno pseudonimo, che è quasi come non essere

  3. Anonymous Says:

    lo stacco fra le due strofe è molto forte.

    gugl

  4. lo stacco è testimonianza della nascita, la prima è l’idea lima/limata, l’altra è fiume sorgente, polla nascente, è ragione consolazione

  5. belle le assonanze! bello il ritmo! molto piacevole il contenuto. a differenza di me che faccio di tutto perché le mie prove perdano ogni cadenza troppo musicale, tu ti fai sempre più ritmata, frizzante… brava! swan

  6. Anonymous Says:

    però sembrano due poesie differenti

    gugl

  7. io non trovo ciò che percepisce ste. ho letto e riletto ma le due strofe le sento collegate e con lo stesso ritmo. l’unico inciampo lo leggo qui: “che muove indifferenza / gittata ad ampio raggio.” mi sembra che perda il passo.

    swan

  8. allora Stefano, ci metterò tre begli asterischi al centro, completo la poesia, salvo la forma, stacco visibilmente le strofe, e poi gli asterischi valgono come tre baciozzi per te e per Swan 🙂

  9. Oh non avevo visto il secondo commento di Swan.
    Bravissima Swan, la parola gittata mi piace ma lì manca il passo, eppure l’ho lasciata di proposito, dice ciò che deve dire, altera la musicalità ed è un seguire i consigli di Giacomo, non piegare il suono al senso.
    D’altra parte se trovassi qualcosa di meglio, si, la cambierei, ci penserò…un aiutino?

  10. il baciozzo è diventato uno solo, mi sembra stia meglio così

  11. Anonymous Says:

    i puntini stanno a puntino 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: