Hessercizio

Di traccia costante il percorso di stelle vissute. In luce si eterna triangolata dal basso a reggenza di un pietoso mistero. Metaforici occhi di amori perduti a guardarci dal cielo. Noi come vermi invischiati di spire sul ventre annodiamo più intenso dolore. Un fiore lucente s’accresce in splendore a figura imponente e sostegno. A far leva dal corpo al pensiero. L’assenza consuma di mancanza infinita le braccia. Allargate più in alto. Una stella sorride a distanza nel cono d’ombra incompresa. Respira col buio nostalgia d’ogni struggente notte.
(il testo qui sopra è un esercizio in prosa per impudica ispirazione dalla seguente poesia di Herman Hesse)

Maria

La propria traccia percorrono le stelle
inalterabili e incomprese!
Noi ci contorciamo in cento nodi
tu sali di splendore in splendore

Una base perenne è la tua vita!
Io non posso che tenderti le braccia
colme di nostalgia, dalla mia notte;
tu mi sorridi e non mi comprendi.

Hermann Hesse

Annunci

7 Risposte to “Hessercizio”

  1. Alessandro Ghia Says:

    che brutto il gioco di parole!!! a parte questo direi che non è vera prosa, ma una poesia in cui non vai a capo… chiamiamola prosa poetica, ma io prefirirei chiamarla poesia!

  2. Il brutto gioco di parole è Hessercizio?
    ti sembra che manchi di rispetto a un grande?
    se il motivo è questo cambio subito il titolo, se invece non ti piace in sè e per sè allora il gioco di parole resta com’è perchè io lo trovo carino.
    Mi pare di capire che la prosa poetica (o poesia senza accapo)ti è piaciuta, ne sono lieta, davvero!

    E ti ringrazio di seguirmi, Ale, a quanto pare sembri ormai l’unico frequentatore di questi candidi lidi.

  3. Alessandro Ghia Says:

    no, non credo che manchi di rispetto, ma quando io faccio battute del genere le persone attorno rimangono con un’espressione che dice:”ma chi è ‘sto mona? da dove è uscito?” e forse hanno ragione… il testo è carino e si fa ben leggere.
    non credo di essere l’unico a seguirti, ma lasciare commenti è sempre arduo, anche perché spesso ci si limita a dire “bello”, cosa che alcuni pensano sia insignificante e degna di un ignorante… io però non sono d’accordo, perché è comunque un’indicazione ed un incentivo per chi scrive… e poi fare commenti approfonditi richiederebbe troppo tempo e di gente da seguire ce n’è tanta… ciao!

  4. e tu pensavi di poter applicare a me le categorie mentali dei tuoi amici? 😛

    si, hai ragione sui commenti sono un stimolo, ma non tanto a scrivere quanto della curiosità e dell’entusiasmo e un possibile indirizzo del come scrivere.

    i commenti approfonditi richiedono tempo e il tempo si spende solo dove c’è interesse

    PS. i tuoi amici molto probabilmente non sono in grado di seguirti in certe battute e non trovano di meglio da dire

  5. golfedombre Says:

    anche a me piace hessercizio, anzi, ci sarebbe stato proprio bene nel mio blog, tra una merla d’artista e l’altra 🙂

  6. Alessandro Ghia Says:

    non ho mai parlato di amici… diciamo conoscenti, interlocutori occasionali… e poi spesso i giochi di parole sono effettivamente stupidi…

    il tempo non sempre si ha…

    w i …!!!

  7. ho fatto l’esercizio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: