In vaso

Ballando con le braccia pesanti

a cintura sui fianchi
attingo come a un vaso di luce
col cucchiaio forato
tazze in brodo di larve.
Come invecchiano questi tuoi occhi
infossati tra mille rivoli
di pelle amata
e nel buco che perfora tondo
l’anfora del petto
al centro esatto d’ogni notte
gola sprofondata d’ogni cosa
sere minute vene scritture
strozzature
gli annunci funerari
lazzi natali e volgari
l’armatura
la bozza cagliata di risposta
scodellata come ricotta calda
in bocca
sul pelo bianco d’ultimo nato
un cuscino di gelsomino
addormentato.


Marombra
Annunci

7 Risposte to “In vaso”

  1. Alessandro Ghia Says:

    sarà l’ora tarda (con un po’ di birra), ma non ci ho capito quasi nulla!! comunque mi sembra interessante, ci ritonerò a mente riposata!
    ciao!

  2. alivento Says:

    alessandro, temo che non cambierà granchè circa la comprensione, anzi la birra dovrebbe essere d’aiuto a capire le mie allucinazioni

    interessante è sempre un bel commento

  3. Anonymous Says:

    direi d’averla capita, credo almeno, molto bella e molto belli in particolare questi versi “Come invecchiano questi tuoi occhi
    infossati tra mille rivoli
    di pelle amata
    e nel buco che perfora tondo
    l’anfora del petto
    al centro esatto d’ogni notte” ciao antonella

  4. Anonymous Says:

    Che bella…spiralica, vertiginosa, sprofondano nel ‘centro esatto d’ogni notte’ fetali e inquiete consapevolezze, invadono tutto il bordo notturno. Molto bella.
    Ossodiseppia

  5. Un mio amico, gran bravo poeta, ha sempre sostenuto che le poesie *non devono* essere capite… bel brano davvero, ali. brava! swan

  6. alivento Says:

    mi sembra che antonella, ossodi seppia e swan che promuovono una mia performance sia un ottimo risultato.
    che dire? mi ripagate delle sovraesposizioni ottuse in cui da sempre mi vado a cacciare (e poi pretendo anche d’aver ragione) ma capire, ragazze, la poesia anche la più elementare, (per usare parole che ingiustamente ho usato altrove) non è poi operazione così semplice e sicura.
    Voi che ne scrivete non trovate che sia così?

  7. alivento Says:

    voglio dire che talvolta è più chiara una poesia come questa apparentemente così chiusa di senso che si legge però con “l’orecchio pensante” (per citare Stefano) che non altra esplicita che invece vuol dire altro ancora dal suo lampante senso.
    Ecco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: