Crampi

Picasso, Ragazza allo specchio

 

Avrei voluto essere come lei

che il vento ringhia tra le dita

invece è tanto ormai che perdo pezzi

senza trovare stucco per le crepe

nella serie di senso gl’infiniti

manca il giusto tempo manca il fiato

tessere relazioni è una fatica

meglio arrendersi all’evidenza

dormire in tronco un’altra vita

proporre lacrime con cautela

gemere crampi d’alternativa

limare gli occhi

digitare una domanda

muoversi raccoltamente

la coda tra le gambe

aprire e chiudere la bocca

asciugarsi addosso la carriera

e correre alla meta

che di così poco infine

abbiamo di bisogno

un altro giorno acuto

solo un altro giorno.

 

Annunci

18 Risposte to “Crampi”

  1. piaciuta (in particolare la musicale chiusa) 🙂

  2. grazie Dario, visto che me ne dai l’occasione, aggiungo che la lei di cui parlo in premessa è Raffaella Spera, della quale sul blog golfedombre è possibile leggere la bellissima “Verticale” che rappresenta, se mai talvolta s’è intuito nei miei conati-scribacchiamenti, il mio modello poetico a tendere di scrittura. La riporto anche qui. Per constatare l’abisso.

    Verticale
    mi esilia il vento, mi ringhia tra le dita
    e fugge, a spezzate cadenze
    Vieni, da un luogo certo,
    in un lampo, in un “a solo”
    illusorio finale, a chiarimento,
    ti aspetto, mi pesa il tuo sorriso
    lisa chiaroveggenza, candida,
    a cedere, a redimere,
    nell’arco reclinato: sono deperite
    le magnolie, a stento mi sottraggo;
    l’appartenenza del mio volto adonti
    in conto del tuo disuso seme
    temo l’estasi, le tenebre, il sopore
    in questo segno, tempo verticale
    e rimiro, spoglia il mio delirio
    e fiori, e spine, e soffio, e piego,
    e piago memorie,
    dove spavento lambe, nell’intesa
    e tardo,
    e lento,

  3. bella! se mi posso permettere una nota, io metterei uno stacco dopo quel ‘solo’ nell’ultimo verso.
    ciao,
    alessandro

    ps bello anche il testo ispiratore!

  4. violaamarelli Says:

    “Crampi” la trovo scritta da una perona “stoica”, in senso proprio filosofico. C’è una traccia acquietata di tragico. E invece nonostante la formale rassomiglianza, quella della Spera è una poesia “panica”, che tende a riversare questo tragico nella natura per esorcizzarlo in qualche maniera. Tu invece lo accetti, lo reggi (tu inteso oome tuo testo). Entrambe sono delle buone poesie. Un saluto caro, Viola,

  5. Che bel commento Viola! Accettare e reggere sono verbi che sento miei, il senso di tragicità è a me connaturato praticamente dall’adolescenza, se non anche in precedenza.
    Mi sorprende che sia tu che alessandro facciate il paragone della mia con la poesia della Spera, considerandole in parallelo di bontà.
    Evidentemente io non percepisco il livello della mia produzione.

  6. violaamarelli Says:

    Cara Ali, la’autosvalutazione è un tratto tipicamente femminile, per ragioni storiche e culturali facilmente immaginabili.E poi in alcune c’è sempre la tendenza alla perfezione (platonica), e quindi la fatica di Sisifo di quadrare i cerchi (lavoro, famiglia, affetti ecc. e chi più ne ha più ne metta). Ciò detto – innanzitutto a me stessa – penso che i tuoi testi, quelli che ho letto sinora, siano nel compleso più che discreti e qualcuno addirittura ottimo. Non è che siam tutti Dante O Dickinson, ma neanche siam tutte baciprugina. E sarei lieta se tu passasi in parte al cartaceo, non per improbabili e suppongo non cercati lauri, ma per meglio raccogliere testi alttrimenti sempre a rischio di virtuali tsunami tecnologici. Buona domenica, Viola

  7. Cara Viola, in linea di principio non sono contraria ad una pubblicazione cartacea ma non mi attivo in tal senso perchè le pubblicazioni di poesie non hanno mercato e mi sembra difficile che un editore possa accettare di pubblicarmi come Alivento, in definitiva esito e poi tralascio, il tempo passa…ed i rischi di tzunami incombono 🙂
    In effetti non ho nemmeno stampe cartacee dei miei scritti, e solo pochi (una dozzina) sono salvati sul mio hard disk.
    Accetto molto il tuo approccio diretto alla questione, accetterei anche specifici suggerimenti in pvt.
    grazie

  8. Le metafore sono perfette, in particolare “asciugarsi addosso la carriera” sorprende e resta quasi oscura eppure la si fa propria come la si fosse a lungo cercata, una piccola epifania.

  9. in effetti ha ragione Viola: salva in cartaceo ogni cosa perché qui nel web siamo appesi ad un filo (elettrico)

  10. lo sai narrando non so bene come sia nata ma lascia anche me di stucco la fedeltà dell’espressione “asciugarsi addosso la carriera” alla sensazione personale riguardo alle mie vicende professionali…

  11. stefano ma il filo di rete non dovrebbe essere elettrico…

  12. dici che dovrebbe essere elettronico? prova a togliere la spina, poi mi dici.

  13. 🙂

    sei geometra?

  14. io si! geometra dico 🙂

    a parte q

  15. io si! geometra dico 🙂

    a parte questo, quel “giorno acuto” mi è balzato agli occhi. L’ho visto come un posto preciso, quello dentro le mani giunte di una preghiuera, uno spigolo stretto dove sostare. Un posto che fa male addosso. Che è “solo” lo stesso di sempre. E qui la ripetixzione della chiusa è GRANDE davvero.

    Bacissimiiii

  16. vabbeh mi è scappato dalla tastiera un invio in più 😛

  17. Alivento Says:

    ah sei geometra Francesca! t’ho beccato 🙂 poetessa e geometra, bel contrasto no?

    in merito al resto del commento tu leggi DAVVERO la poesia. grazie di capire così

  18. wow che cosa bella hai scritto….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: