Corallo

Andrè Derain, Nude

Quando mi arresi a tutto

avevo mani in alto

e una freccia dura in corpo

dentro gli occhi a lacrimare.

Io me ne vado piano

come sciogliendomi sul sasso

come ammasso di gerani che

al muro sfogliano profumo

di petali corallo sulle crepe.

Nel terzo picco intruso di dolore

cola a strisce ogni mancanza

contro il bianco premuto

del bacino

ai piedi d’ogni gesto

le labbra sono argilla

di una rarità dolcissima

celeste.

Annunci

14 Risposte to “Corallo”

  1. notevole il percorso discendente occhi > corpo > bacino > piedi per concludersi infine sulle labbra.
    Brava!

    ciao ada

  2. poesia delicata e sottile, ma ferma e lucida. Se devo scegliere un verso, il finale…

    le labbra sono argilla
    di una rarità dolcissima
    celeste.

    Complimenti…

  3. grazie Stefano dei complimenti, della visita, peraltro già ricambiata, ed in anticipo, pur senza lasciare traccia.

    se devo scegliere un verso scelgo anch’io l’ultimo e lo scelgo col piacere (della consapevolezza da te appena confermata) di saper tenere le poesie fino alla fine, dedicandolo a chi ha avuto la pazienza d’insegnarmelo.

    E poi mi chiedo: cosa si fa una volta imparata un arte?

    Ada carissima, bentornata!

  4. ..ci sono anche diverse simbologie sessuali e erotiche che mi hanno richiamato alla mente “il gelsomino notturno” del Pascoli, secondo la lettura di Angelo Marchese…
    un abbraccio

  5. Il sentiero della propria anima non può prescindere dal proprio corpo. Quando si incontrano hanno speciali sintonie.
    Michele

  6. Grazie, amici, Giacomo, Michele, d’ogni pensiero che mi dedicate, del fatto che leggiate corpo ed anima in queste parole vi ringrazio pure, la similitidune con pascoli mi onora, ritengo che sappiate leggere più Voi tutti di quanto io voglia poter o voler dire di come io sono o sento o penso.
    ho voglia di silenzio in queste notti più di altre notti, mi scuserete se non so dire di più.

  7. è la carne che imprimi. col dolore avanzi lo sguardo come un riflesso che ripercorre ogni parte di sé. E il dolore emerge. Vivo. Il dolore delle cose andate. Perse. in quelle mani in alto i palmi non sono riusciti a trattenere la dignità.
    bellissima

  8. …bellissima, sei bellissima tu Francesca, intimamente.
    E mi piace molto quell’accenno alla dignità.

  9. ovviamente bellissima lo sei anche in superficie 😉
    ti eri preoccupata eh?

  10. ihihihihihi …
    beh, in quest’avatar ho una faccina triste triste.. che …
    vabbeh.
    Sai cosa? mi piace che quell’accenno alla dignità, ti abbia colpito, perchè, per qualcosa di molto sottile nei tuoi versi, è ciò che più mi è balzato agli occhi. ho pensato al momento della resa. A quando alzi le mani. Ecco, in quel momento lì è la dignità di sé che fugge, tradita da se stessa.
    grazie a te di questi confronti intrepretativi. Non sai quanto mi piacciono!! 🙂

  11. quando alzi le mani è perchè vi sei costretta, nessuno s’rrende se non quand’è con le spalle al muro e l’atto d’arrendersi è necessario per la stessa sopravvivenza, altrimenti, com’è di tutti, si continua a battagliare 🙂
    E’ possibile che per sopravvivere si sacrifichi la dignità, ora però io penso non alla dignità di chi si arrende, ma a quella di chi costringe alla resa, a quanto abbia battagliato con lealtà a quanto invece abbia approfittato della debolezza altrui, anzi penso proprio che quanto più una persona sappia approfittare di tale debolezza tanto più è essere non degno. tu che ne pensi?

  12. io penso che chi approfitti delle debolezze altrui, non sappia cosa sia la dignità. anche se è una soluzione facile questa mia. troppo berbenista. In effetti è la difficoltà a volta che sensiblizza alla dignità. mi spiego meglio: chi non sa, perchè non hai dovuto scontrarsi con la realtà dell’arrendersi, per fare un esempio, non può conoscerla. la ignora. semplicemente. sa cosa sia per sentito dire. e sulle cose di “coscienza” il sentito dire, non può bastare per “sapere”.
    la resa è un momento difficile. quando la trovi davanti è ilò macero dei sensi. e non sai più che pesci pigliare davvero. oltre ad “alzatre le mani”.
    significa: ecco, non sono più niente. io.

  13. ecco. ci capiamo perfettamente noi.
    e questa perfetta consonanza è un’emozione grande.
    in particolare io penso che la vita di relazione sia una lotta: alleati e nemici
    l’approfittare delle debolezze è esattamente ciò che fa il nemico e quindi mai scoprire il fianco, ma quando le situazioni cospirano a tuo sfavore, non c’è solo il fianco scoperto ma il corpo tutto e l’anima pure.
    non so dirlo meglio, ma quel senso di nullità, la resa appunto è un punto di dolore morale profondo a cui porta la personale sensibilità, certo, ma anche gli altri ogni cosa/persona che gira attorno.
    ed è vero pure che chi non l’ha provato non può capire.
    abbraccio caro

  14. ed io, questo abbraccio caro, dopo la condivisione di oggi, me lo tengo stretto. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: