Assemblaggio

Paul Klee, Rising sun

E voi verrete a me

non come io cristo e voi bambini

ma ai miei pensieri

.

Ed in effetti è vero

non importa come

ma è la qualità che lotta

sotto la casta dei potenti

che dettano la legge di mercato

e bussa lecca graffia

il fegato al costato

del grande direttore generale.

.

Ma la foto vorrai ammettere

è importante

guarda come lei sembra usignolo

l’altra un’aquila maestosa

che bela il suo modesto verso

d’agnellino.

.

Tu invece solo rughe verticali

e vecchie mani stanche di stirare

le striature finte sui capelli

e lui che dice mi ricordo

moglie mia

ch’erano una volta tanto

tanto belli.

 

Annunci

6 Risposte to “Assemblaggio”

  1. “molti fiori bellissimi nascono per morire non visti”, più o meno così Coleridge.
    Ci sarebbe anche da chiedersi quante cose degne di nota siano trascurate dall’editoria, e se le opere stampate siano davvero il meglio del loro tempo. Su quest’ultima ho forti dubbi!?!

  2. ops, ho sbagliato post, era quello precedente

  3. invece mi sembra, caro Antonio, che tu abbia proprio scelto il post giusto :))

    qui mancano i fiori ma il senso in fondo riprende e si collega a quello che tu dici forse ancora più nettamente.

    bellissime cose per te

  4. Riprendendo il discorso, Antonio, (che m’è tornato in mente essendo io proprio adesso reduce da un giro tra blog), considerando che molte persone scrivono davvero bene e che è un dato di fatto che si pubblicano quantità esorbitanti di libri, ho il fondato sospetto che tale pubblicazione cartacea avvenga nella maggioranza dei casi (ossia salvo i nomi significativamente noti) per sovvenzione dell’autore. Ciò significa anche, credo, che la pubblicazione editoriale, quando c’è una buona qualità (si spera), dipenda sostazialmente da una scelta volontaria, dall’iniziativa dell’autore, ma, appunto perciò, non ha più quel valore di meta, di traguardo raggiunto, successo per lo scrittore, garanzia di selezione di buone letture per il lettore.
    Forse è che in letteratura non esistono, forse non sono mai esistiti, i cercatori d’oro, eppure a me sembra che oggi è come se ci fosse una miniera disseminata di venature d’oro, un fiume di pepite a cielo aperto (e non sto necessariamente parlando pro domo mea).

  5. A pensare male si fa peccato, ma…
    mi sa che molte pubblicazioni vengono fuori dai soliti italici clientelismi, si trovano in edicola, e subito dopo sulle bancarelle, tali improbabili opere…

  6. e va bene antonio, che ci possiamo fare? mi piace credere che abbia successo proprio chi lo merita, d’altra parte, a titolo personale, c’è di buono io scrivo finchè mi va e chi vuole mi può leggere qui ed io continuerò finchè ne avrò modo, tempo e voglia…
    comunque sul sito di viadellebelledonne si svolse qualche tempo fa un lunga discussione in merito
    http://viadellebelledonne.wordpress.com/2007/08/20/il-mondo-delleditoria-a-confronto-con-altre-realta/

    con agganci e sviluppi pure qui
    http://viadellebelledonne.wordpress.com/2007/08/19/perche-nessun-critico-nessun-recensore-parla-male-dei-libri-di-autori-famosi-di-francesco-varanini/

    l’insieme fornisce un quadro interessante, d’altra parte per avere il polso della situazione occorrerebbe avere dati statistici e di mercato similmente a quanto rilevano le grandi case editrici per percepire gli orientamenti dei lettori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: