D’amore vorrei parlare

 Questa poesia è stata segnalata nell’ambito del concorso Ibridapoesia sul blog Ibridamenti

 

D’amore vorrei parlare

e di tormento

dice l’albero al vento.

Pressami la giugulare

fammi annegare

il sangue scende a fiotti

non respirare.

C’è altro oltre i tuoi occhi?

chiede l’alba al tempo

C’è altro oltre quell’acqua

che verde brilla e cade?

Aspettami nel sole

fammi liquefare

la cera delle ali

in gocce tiepide di mare.

C’è altro oltre le stelle

che vedo nella notte

di un cielo che di carne

ha il mormorio sensuale?

Splendore della pelle

la bocca da baciare.

C’è altro oltre il respiro

del fango nel pantano

le nuvole di pioggia

il sogno l’aquilone?

Liberami dal filo

lasciami volare

planare dentro il fosso

come rana gracidare.

Annunci

21 Risposte to “D’amore vorrei parlare”

  1. bella! sei portata per le favole. le racconti bene (senza ironia 🙂

  2. lo so, è che io stessa sono una favola! con molta autoironia
    😀

  3. gugl, l’hai visto il video? che ne pensi? su ibridamenti non me l’hanno pubblicato…chissà perchè

  4. Alessandro Ghia Says:

    bella! io la vedrei bene in un monologo teatrale. Perché non provi a scrivere un dramma? magari qualcosa di amletico? secondo me potrebbe riuscirti bene! del resto riesci bene anche così!
    ciao,
    alessandro

  5. e perchè non scrivi favole? non scherzo! ti ci vedrei bene davvero. secondo me hai quel tipo di sensibilità… che non è cosa da tutti! io non sarei mai in grado di scrivere favole!

  6. A parte la battuta che io stessa sono una favola, patty, io non mi ci vedo affatto a scrivere favole.
    Alessandro sul teatro ci potrei pensare. Credo che potrei farlo, se facessi lo scrittore a tempo pieno, potrei tentare.

  7. l’inizio del video non mi piace perché ci sono i tuoi volti di pietra (che mi inquietano), poi invece mi piace.

  8. gugl, il volto di pietra rappresenta il vento, come avrei potuto rappresentare il vento altrimenti?

  9. pensa che ho lavorato ore ed ore a ridosso della scadenza del concorso per poter inviare il video, quando mi sono resa conto che non ce la potevo fare per tempo, sul filo di lana ho inviato il solo testo, il video l’ho trasmesso solo un’ora dopo.

  10. Sui versi mi sono già commesso su ibridamenti per la vita. Il video mi mancava. E’ molto bello.

  11. commesso evento sta per commosso?
    una poesia che commuove, non è una cosa molto bella? non testimonia la potenza della scrittura, la sua incredibile capacità di catturare e trasmettere essenza?

  12. il vento si può rappresentare in molti modi, con un angelo, per esempio o una banderuola, o un dipinto di tancredi.

  13. Ali mi sono esposto. Ho manifestato il mio apprezzamento assoluto. Se non mi fossi commosso non l’avrei fatto.

  14. Evento, una poesia capace di commuovere chi legge è una grande poesia a prescindere da qualunque giudizio di valore di chicchessia.
    Quello che vorrei si capisse, ma su ibridamenti, per la troppa durezza di evenevil, non sono riuscita a spiegare è che questo testo, nato, come molti altri miei, in pochi minuti, non ha un soggetto un predicato, un complemento, non ha una storia a monte ed una a valle, è una sorta di atto unico creativo nel quale io non sono io, ciò che scrivo pesca in un fondo che non so spiegare.
    E’ per questo che non posso interpretare, e interpreto quello che chi mi chiede vuole sentire. Questo testo è da leggere e sentire senza pretendere di legarlo allo stesso filo che fa di ognuno di noi una rana dentro il fosso. Perchè vedi, evento, se neanche così mi si permette di essere libera, e liberare chi mi legge, tanto varrebbe smettere di scrivere e morire.

  15. …figurativamente eh s’intende! 😉

  16. ali non mi sento una rana dentro il fosso, però ti capisco. W la libertè (e le altre belle parole del mondo disincantato)

  17. non ti senti una rana dentro un fosso ste? io sì, e questo varrebbe a qualunque grado di successo, onore e gloria io potessi pervenire

  18. Ali, capisco e condivido. Nel mio nick la conferma. Ciao

  19. sta peggio il rospo fuori dal fosso, credi a me: cra cra!!!

  20. evento, il tuo nick lo intendo nell’unico modo possibile, e cioè che ognuno di noi è un evento unico appunto, ed irripetibile, per quanto destinato a lasciare di sè irrilevante traccia

    gugl, ti credo, sì, sulla fiducia. un abbraccio

  21. ma io non sono nemmeno il rospo. grazie comunque per la solidarietà. sei un’amica 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: